Corso SMS nella Parte 145 (3 giorni)

Codice: S5

Questo corso è di particolare importanza per le organizzazioni di manutenzione, le quali possono trovarsi in diverse situazioni, per ciascuna delle quali l’introduzione dell’SMS ha impatti diversi, che vanno compresi dall’organizzazione stessa al fine di evitare sprechi di risorse.

Tipicamente potremo avere tre diverse circostanze:

  • Parte 145 all’interno di una CAMO (per la quale l’SMS stato già introdotto dal Regolamento di esecuzione UE 2019/1383)

  • Parte 145 “stand alone” (per prodotti e/o parti)

  • Parte 145 associata ad una DOA e/o POA

Ognuno di questi tre casi, richiede una trattazione diversa che partendo dai principi generali dell’SMS, comuni a tutte le organizzazioni aeronautiche, sia poi in grado di declinarli nella realtà dell’organizzazione.

Obiettivo e contenuti: il Corso si propone di illustrare i requisiti cogenti, derivanti dalla Parte 145 EASA (Annex II to Regulation (EU) 1321/2014) come emendato dal Regolamento (UE) 2021/1963, pubblicato il 12 novembre u.s.

  • Il Safety Management System (Annex 19 ICAO e ambito EASA):

  1. Definizioni e quadro generale

  1. Le quattro componenti di un Safety Management System

    1. Politica e obiettivi di sicurezza (Safety Policy and Objectives) 

    2. Gestione dei rischi di sicurezza (Safety Risk Management)

    3. Assicurazione della sicurezza (Safety Assurance)

    4. Promozione della sicurezza (Safety Promotion)

  • La Parte 145 modificata dall’SMS – Il Maintenance System

    1. Il Regolamento (UE) 2021/1963

    2. Il Sistema di Gestione della Sicurezza, un nuovo approccio sistemico che investe tutta l’Azienda: l’SMS nella MOA

    3. Il personale: come cambiano i requisiti sul management e sulle competenze richieste al personale

    4. La Safety Promotion: il Safety training sostituisce lo Human Factors training

    5. La Safety Promotion: la comunicazione

    6. Il Manuale dell’Impresa: la necessità di una riedizione

    7. Il Maintenance System sostituisce il Quality System

    8. La possibilità di stabilire dei metodi alternativi di rispondenza (AltMoC)

    9. La necessità del sistema di riporto interno

    10. Privilegi ed obblighi del titolare

    11. Il ruolo dell’Autorità: modalità della sorveglianza e della certificazione e sua evoluzione